lunedì 16 ottobre 2017

* Il Potere delle Ossa* Passi nel terrifico verso Samhain



"In genere per le donne lasciar morire non va contro la loro natura 
ma solamente contro la loro educazione. 
La cosa può essere capovolta. 
Noi tutte sappiamo in los ovarios quando è il tempo della vita, 
quando è il tempo della morte. 
Magari cerchiamo di ingannare noi stesse per vari motivi, 
ma sappiamo."*

Samhain rappresenta il portale di accesso al Mondo Invisibile, spesso chiamato Regno dei Morti, esso è il luogo degli Avi, degli archetipi, lì dove è custodita la matrice di tutte le immagini che poi portiamo nel mondo visibile.
Le Ossa sono le chiavi che ci permettono l'accesso, esse sono la sostanza ultima, indistruttibile, ciò che rimane dopo esserci spogliati di tutte le cose di questo mondo.
La vecchia del deserto che canta sulle ossa, che porta di nuovo la vita, la Loba sarà la nostra guida sul Sentiero delle Ossa.
E' necessario che una donna arrivi alle ossa di sé stessa, nel deserto del luogo più ispido della sua anima perché possa incontrare la sua saggezza interiore e cantare la canzone che appartiene solo a lei, e tornare a correre nella sua vera natura di lupa selvaggia.


"Tutti noi cominciamo come un mucchietto di ossa abbandonate nel deserto. Sta a noi recuperare le parti. La Loba canta (usa la voce dell'anima) sulle ossa per scendere nell'amore grande e nel sentimento."*
Samhain celebra la fine e l'inizio, il soffio che sta tra l'uno e l'altro, il momento che avviene fra l'inspirare e l'espirare, il vuoto prima che sia pieno, il grembo umido e buio prima che la vita torni ad abitarlo.
Una delle iniziazioni più importanti delle antiche culture era quella dei vivi aldilà, molti libri sacri furono scritti con questo scopo, quello di istruire i vivi sulla morte; il Libro tibetano dei morti o Bardo Thodol, il Libro dei Morti egizio.
Evans Wentz, a proposito dell'iniziazione dei vivi al Regno di Ade scrive :
- E’ un processo d’iniziazione inteso a ricostituire la divinità che l’anima ha perduto con la nascita.
Morire in vita è dunque un tornare all'integrità delle Ossa, spogliarsi delle immagini che hanno creato la nostra carne e abitare per un momento la sostanza immutabile, indistruttibile, che non può morire.
Jung, commentando il Libro tibetano dei morti conclude :
-Il mondo degli dei e degli spiriti è l’inconscio collettivo in noi ma è anche al di fuori di noi.-
Liberarsi è tornare alle Ossa, questa è un'impresa eroica che tutti gli iniziati provano a compiere, Jung prosegue dicendo :
-Cerchiamo e troviamo le nostre difficoltà, cerchiamo e troviamo il nostro nemico, cerchiamo e troviamo ciò che è amato e prezioso, e fa piacere sapere che tutto il male e tutto il bene sono al di fuori, in un oggetto visibile dove è possibile superarli, punirli, annientarli e benedirli.-
L'iniziato che torna ad abitare la vita, torna trasformato, la morte è stata potente Maestra, egli sa che esiste un luogo dentro di lui che non può essere toccato dalla morte, dal dolore, dal tempo.
La Morte non esiste? è un'illusione percettiva così convincente che solo pochi iniziati hanno conosciuto la verità?
E' anche essa parte dell'inconscio collettivo?
Forse il Potere delle Ossa consiste nello svelamento della nostra natura Immortale, forse il segreto è custodito nei luoghi della Morte perchè solo attraversandoli potremo svelarli e riconoscerci Immortali.


Emanuela Pacifici
* citazioni dal libro Donne che corrono coi lupi - Clarissa Pinkola Estès


La Custode delle Storie propone per celebrare Samhain

il webinario: percorso guidato che potrete fare da casa
* Into The Darkness : Il Potere della Strega *
attraverso un percorso guidato online conosceremo la Donna che canta alle Ossa, Raccoglieremo le nostre Ossa e torneremo ad abitarle.
il webinario comprende :
1 Mp3 Viaggio Immaginale *La Caverna della Loba*
2 Rituale * La Raccoglitrice di Ossa*
3 Mp3 Viaggio Immaginale *Il Canto della Loba*

per informazioni e prenotazioni selvadellaluna@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Chi è Miss Wonder?

Mi presento, sono Miss Wonder, un pò reale un pò immaginata,vivo sulla Soglia dei Mondi della Terra di superficie amo la poesia...